Bonus Spedizione Gratis e Vantaggi Esclusivi, Iscriviti

Email: *
First Name: *

Che c'è di nuovo?

La community dei nuovi lavoratori della rete: 10 azioni da consegnare a coloro che ci governeranno

wwworkers

Nel novembre 2009 ricevetti una email di Giampaolo Colletti che mi chiedeva un'intervista sulla mia attuale professione e lo sviluppo della stessa attraverso la rete...

Da allora siamo parte della grande cummunity dei nuovi lavoratori della rete.

A distanza di tre anni facciamo il punto della situazione, a Bologna da mercoledì 8 a venerdì 10 maggio 2013 al Wwworkers'Camp si terrà il primo meeting con seminari, workshop, barcamp e le storie di successo dove parteciperanno i lavoratori che fanno rete, imprenditori di piccole e medie imprese che hanno scelto di abbracciare le nuove tecnologie e artigiani che si sono posizionati anche online per raggiungere nuovi clienti.

Oggi l'ultimo degli Hangout dei wwworkers (videoritrovo con G+) a "rete unificata" per presentare il manifesto delle 10 azioni da chiedere alla politica che ci governerà. Perché gli amministratori di domani prendano atto e agiscano per un'Italia che già oggi vive e lavora in rete. Vediamo quali sono:

Erodere il digital divide
Sostenere la spinta per la copertura nazionale di servizi con banda larga e ultralarga, anche in realtà geografiche lontane dai contesti metropolitani, attraverso investimenti pubblici e incentivi a quelli privati.

Pensare al wi-fi come la toilette
Promuovere l’obbligo per gli esercizi pubblici di rendere la connessione wi-fi disponibile e pubblica, come avviene oggi per i servizi igienici.

Alfabetizzare al digitale
Promuovere un piano per l’alfabetizzazione digitale, coinvolgendo il terzo settore, le associazioni di categoria, le organizzazioni sindacali e gli enti locali, per far sì che tutti i cittadini colgano le opportunità della rete. Promuovere corsi “blended” (in aula e online) e l’apertura di sportelli informativi per fornire servizi concreti su come lavorare in rete.

Digitalizzare il made in Italy
Le tecnologie digitali rappresentano un’occasione per le Piccole e Medie Imprese per rafforzare la collaborazione e raggiungere i mercati, ma spesso queste aziende non hanno le risorse – economiche e di conoscenza – per cogliere le opportunità. Servono incentivi alla creazione di reti digitali tra le imprese, volte alla collaborazione e all’internazionalizzazione, anche attraverso la messa in comune di banche dati e scambi tra realtà differenti.

Liberare l’e-commerce
Oggi l’e-commerce è soggetto alla normativa per il commercio, pensata intorno ai canali tradizionali. Ciò crea confusione e rallentamenti. È necessario semplificare radicalmente la normativa sull’e-commerce e prevedere specifici incentivi per le imprese che avviano questa attività.

Ascoltare il mondo della rete, stakeholders e influencer
Il settore legato all’economia digitale è trasversale ai differenti settori produttivi e spesso escluso dai meccanismi di concertazione. Aprire la discussione pubblica a queste realtà permetterebbe di programmare politiche più attente alle innovazioni.

Ciò che è prodotto con soldi pubblici, deve essere pubblico e in rete
Il sapere prodotto nelle università, la cultura sostenuta da fondi pubblici, i dati elaborati dalla Pubblica Amministrazione devono essere accessibili a tutti e utilizzabili per promuovere attività economiche. Occorre che si scelga l’open data per trasparenza, semplificazione e miglioramento dei servizi al cittadino.

Il telelavoro come diritto
Introdurre la modalità di lavoro in remoto per tutte le attività per cui è tecnicamente possibile, almeno per una parte del monte ore. In questo modo si favorirebbe il “work-life balance”, la conciliazione tra tempi di vita e tempi di lavoro, si spingerebbe l’innovazione delle imprese e si abbatterebbero i costi ambientali e strutturali legati agli spostamenti casa-lavoro.

Ripensare il welfare nell’ecosistema digitale
Istituire il diritto ad una pensione di base per tutti i lavoratori a seguito della cessazione dell’attività lavorativa. Istituire una indennità di maternità universale, superando la logica delle tutele esclusivamente legate al lavoro subordinato. Proporre un salario minimo garantito per le attività parasubordinate per cui non valgono i minimi definiti dalla contrattazione collettiva. Promuovere la diminuzione del carico fiscale contributivo per i lavoratori autonomi.

Dare spazio alle nuove imprese
Fornire in locazione agevolata immobili inutilizzati della Pubblica Amministrazione, in modo da creare spazi di co-working per start up innovative e legate al mondo digitale.

Scrive oggi Giampaolo Colletti:

"Ho iniziato a raccontare le storie d questi lavoratori digitalizzati prima online, poi su Radio24 nello spazio Nòvalab condotto da Luca Tremolada e poi ancora nel libro “Wwworkers” edito da Gruppo24Ore. All’inizio erano soltanto coloro che – come me – avevano lasciato il posto fisso e si erano messi in proprio grazie alle nuove tecnologie. Oggi, invece, la community aggrega chi abbraccia la rete per promuoversi, per vendere prodotti o servizi, per proporre un proprio brand, per conversare in rete e aggregare net-consumatori che si annidano e si confrontano in community e micro-community molto specializzate e ad alto contenuto valoriale. Eccoli, allora i wwworkers: imprenditori e professionisti che operano con le nuove tecnologie, artigiani e commercianti che approdano online per vendere anche all’estero." leggi tutto...

2 commenti:

  1. ciaoooo!

    Mi sono unita come lettrice fissa (dal sito WW), venite ad iscrivermi sul mio blog???

    infinitonelcassetto.blogspot.it

    e su facebook

    https://www.facebook.com/pages/Infinito-nel-cassetto/476377012413214?ref=hl

    RispondiElimina
  2. Grazie Silva per avermi fatto conoscere il tuo blog, complimenti per i tuoi gioielli sono veramente belli e originali.

    RispondiElimina

Le mie foto
Ecoartigianato, una nuova dimensione di benessere e qualità della vita